Strani sogni

Raramente riesco a ricordarmi i sogni che faccio. Ma quando mi restano impressi anche dopo il risveglio, mi rendo conto di quanto sia contorta la mente umana.

Questa notte ho fatto un sogno/incubo che era tutto ingarbugliato. Mi trovavo sotto i portici della mia città con il Moroso (che in realtà credo sia sbucato dal nulla). Dopo una feroce litigata con il suddetto, alla fine della quale lui si allontana (mi sembra a braccetto con qualcuno) tirando giù tutti i santi, io mi sono seduta a terra come una barbona, con tanto di zainetto lercio e copertina. Poco dopo è arrivata un gruppetto di ragazzi di colore che si son messi a fare uno spettacolo hip-hop davanti ai miei occhi, cercando pure di convincermi a ballare con loro senza grandi risultati. Infine è tornato il Moroso, per dirmi che mi aveva tradita per poi andarsene di nuovo lasciandomi in lacrime e incazzata nera.

Ed ecco che il mio cellulare si mette a suonare. Rispondo, ed è niente meno che il mio braccio destro che mi informa su un imminente attacco terroristico organizzato da un gruppo di bambini dall’apparenza innocua. Senza esitare, prendo cappuccio verde, arco e frecce dal bidone più vicino e corro sul luogo indicatomi, ovvero una sala di teatro. Scopro allora che i bambini terroristi, per mascherare le loro malvagie intenzioni, hanno deciso di organizzare uno spettacolo nella quale rappresenteranno l’Ultima Cena (fatto del quale io non ho chissà quante informazioni, viste le mie credenze religiose inesistenti). Mi siedo in attesa che lo spettacolo cominci, mentre dietro le quinte intravedo le mamme indaffarate che preparano i loro figli consegnando loro armi da fuoco e bombe.

Poi è suonata la sveglia. O meglio, mi sono resa conto che la sveglia stava suonando da ben dieci minuti. Evviva. Probabilmente devo evitare di guardare Fringe e Arrow prima di andare a nanna.

Torno a studiare che è meglio.

  • Io l’ho già detto, bambini killer all’attaccooooo!
    Adesso ti telefona il moroso per dirti che ti ha tradita davvero. E che c’è stato un attacco terroristico di bambini innocui. Panico.

    • Oddio, spero proprio di no o.O
      Al moroso ho già raccontato qualcosina sul sogno (o comunque sulla parte che lo riguarda) e mi ha già rassicurata. Fiuuu.

  • Mi consola sapere che c’è qualcuno che fa sogni bizzarri almeno quanto i miei :)

    • E ce ne sono stati di più strani ancora, credimi :)
      Però hai ragione, è rassicurante sapere di non essere le sole. Quasi quasi dovremmo fondare un club di supporto! xD

      • Sognatori Bizzarri Anonimi, haha :D

      • Haha!!! Mi piaaaace!!! xD S.B.A Quasi quasi lo potremmo fondare seriamente xD

  • Ma che strano! La parte più inquietante è quando le mamme preparano i figli dando loro armi da fuoco e bombe lol Io stanotte ho sognato che moriva una mia amica, però si dice che quando fai sogni del genere allunghi la vita a chi è morto nel tuo sogno ;)

    • E’ bruttissimo quando sogni la morte di qualcuno… Però se dicono che porta bene, crediamoci (se no sai quante paranoie!?).

      • Davvero! Altrimenti morirebbero un sacco di persone che conosco.. Ora che ci penso è un po’ inquietante che abbia sogni ricorrenti in cui muore un mio conoscente.

      • Mah.. alla fine secondo me non vuol dire niente. Però ci dicono che questo genere di cose “portano bene” solo per non farci preoccupare.
        Fossi in te non mi preoccuperei troppo…

  • Marco

    Oggi ho sognato che completavo la collezione di Ratman (http://www.rat-man.org/)
    ma scoprivo che, da fumetto comico, si era trasformato in una rivista porno gay.
    Fai tu se questo non è un sogno strano

    • Mmh desideri repressi? :p

  • *-* ho trovato una compagna di sogni strampalati *-*

    • Yee!! Unisciti ad Emily e me negli S.B.A (Sognatori Bizzarri Anonimi)!!

  • Ma..ma…quindi Arrow sei tu? Mi sento molto più al sicuro pensando che ci sia chi mi protegge da bambini armati di machete e Kalašnikov :)

    • Accidenti! Forse non avrei dovuto svelare così il mio segreto…

  • Pingback: Chiavi di ricerca #3 | indiellie()

  • Marco

    Ma sta cosa è vera? Non l’hai fatto a tavolino ma l’hai effettivamente sognato?!

    • L’avevo davvero sognato. Mi ero svegliata, ho avuto un piccolo blackout… poi mi sono ricordata il sogno e sono corsa a scriverlo da qualche parte per non dimenticarlo. Il mio cervello è strano, lo so.