E’ difficile riprendere…

E’ difficile riprendere a scrivere sul blog dopo tutto questo tempo. Sono successe tante cose, piccole e grandi, ma se mi mettessi a scrivere proprio tutto-tutto finirei per perdermi fra i meandri del tempo. E voi finireste per uccidervi di noia o per decidere di eliminare definitivamente questo blog dalla lista delle vostre letture.

Quindi è deciso. Non vi parlerò della splendida vacanza nei pressi del Lago di Garda con il Moroso, né del fantastico campo estivo al quale ho preso parte. O magari un giorno ve ne parlerò, con uno sguardo malinconico verso quest’estate che si è ormai conclusa, ma che ha lasciato dei ricordi bellissimi e indelebili.

In effetti, penso di poter confermare che quest’estate è stata probabilmente una delle migliori della mia vita. Lo so che sono giovane e ho ancora molto da vivere, ma qualcosa mi dice che non la dimenticherò. Ci sono stati troppi momenti speciali, nuove amicizie che si sono solidificate, un amore che ha continuato a fiorire. Lo so, sto diventando una specia di romanticona. Si salvi chi può!

Ma nonostante l’estate faccia ormai parte del passato, una nuova avventura si è aperta per me. Ebbene sì, da due settimane (e due giorni) sono ormai una studentessa universitaria. E qui farei intervenire un bell’Alleluia canoro.

Se qualcuno si stesse chiedendo com’è andata a finire la storia dell’appartamento, ebbene l’abbiamo ricevuto! Ed è proprio da questo piccolo angolo (che tanto piccolo non è) di beata indipendenza che vi sto scrivendo proprio ora.

Per il momento per fortuna posso dire di essere molto soddisfatta delle mie scelte universitarie. I corsi che seguo sono davvero interessanti, anche se per ora non siamo ancora andati molto più in la delle solite introduzioni e prevedo un complicarsi della situazione. Ma è qui che sta il bello, no?

Passando alle sfighe, domenica sera mi si è rotto il portatile. Cioè, in realtà non si è rotto del tutto, ma solo lo schermo. Sono andata in panico, perché stavo per partire per tornare a Friborgo e il portatile mi serviva per le cose di scuola. Ma ormai ho dovuto lasciarlo a casa e mandarlo in riparazione. Per fortuna mio fratello è riuscito a portarmene uno vecchio vecchio che aveva in giro per casa. Devo dire però che il Mac è tutta un’altra cosa. Mi manca. E mi sento in colpa per essere attaccata a qualcosa di così materiale… ma che ci posso fare? In ogni caso dovrebbe essere pronto per venerdì. Speriamo bene.

Sempre continuando sulla linea degli argomenti a casaccio, venerdì scorso mi sono fatta il colore ai capelli. Ogni volta mi dico che sarà l’ultima e che li lascerò tornare al colore originale. Solo che poi quando il colore sbiadisce (sì, perché sui miei capelli non è che si vede la ricrescita, ma il colore sbiadisce) mi rendo conto di quanto mi piaccia di più vedermi con i capelli più scuri. Ah, che fatica essere donna a volte…

Bene, mi fermo qua. Questo post non rispetta esattamente le grandi aspettative che mi ero fatta, ma se non altro ho ripreso a scrivere. Spero che il prossimo post sarà un po’ meno deludente.

E voi? Avete qualche novità da raccontarmi?

  • ben tornata bellezza :)

  • No, ma sai che avevo concrete intenzioni di scriverti una mail per chiederti che intenzioni avevi con il blog? ( Fortuna che sei tornata di tua volontà, perché era proprio imbarazzante scriverti per chiederti di scrivere ;) )
    PS: che caruccia la tua nuova immagine!

    • Ma che carina!! Non credevo che qualcuno avesse anche solo minimamente pensato al mio blog, durante la mia assenza… Mi rendi felice!!

      • Tu hai ancora meno autostima di me… È grave!

        • Haha! A volte ho ancora qualche carenza di autostima, questo è vero… Ma qui più che altro si trattava della consapevolezza che il blog non è particolarmente seguito.. :p

          • A chi lo dici! (Sia per l’autostima che per il blog non seguito)

      • Ops, la mancanza dello smile alla fine del mio commento fa sembrare tutto troppo serio. ;)

      • Haha tranquilla, avevo colto la vena di ironia :) Comincio a consocerti, dopo tutto.. hehe!