Come sopravvivere al carnevale

Ci siamo, il carnevale è cominciato! Ho come l’impressione che ultimamente ogni anno comincia sempre più in anticipo… di questo passo, fra qualche anno ci ritroveremo a festeggiarlo prima di Natale.

Per quelli di voi (praticamente tutti) che abitano in Italia, non so bene come sia la vostra tradizione riguardo a questo periodo di feste su feste. Ma vi invito tutti in Ticino a festeggiare per bene!! :D

E, raccogliendo le mie esperienze passate, ecco qualche suggerimento per sopravvivere al carnevale!

1. Il costume
Ovvero
la ragione visualmente principale per la quale il carnevale non è una festa come le altre. Principalmente avete tre possibilità per quanto riguarda il vostro costume: comprarlo, fabbricarlo, riciclare vecchi vestiti che trovate per casa. Ovviamente questo dipende molto anche dalla vostra creatività e da quanto il vostro conto bancario sia disposto a collaborare.
Se decidete di comprarvi un nuovo costume, controllare vi aprirà un mondo di possibilità. Vi consiglio in particolare il sito www.funshop.ch, dal quale ho comprato il mio vestito da scimmia dell’anno scorso (un po’ largo in quanto era da uomo).
Se siete molto creative e amate cucire, l’idea di costruirvi da soli il vostro costume di carnevale è sicuramente la migliore, anche perché in quanto ad originalità spaccherete di brutto, come si suol dire. Sempre ovviamente che non esca un obbrobrio.
Se invece vi siete resi conto che il vostro borsellino non vi permette di procurarvi niente di nuovo, mi farete compagnia quest’anno. Ecco qualche idea per sfruttare ciò che avete già in casa:

  • Sonnambulo – indossando il vostro pigiama e volendo anche una vestaglia;
  • Cowboy / cowgirl – con una camicia a quadri, un foulard al collo, jeans o gonna, un paio di stivali e, possibilmente un cappello a tema;
  • Contadino – sempre una camicia a quadri, magari con una saloppette o dei jeans un po’ sporchi, foulard in testa
  • Sacco dei rifiuti – buchi per testa e braccia e si può decorare a piacimento, incollando fiori di carta, cuoricini o quello che vi passa per la testa

Ricordatevi inoltre di indossare un costume comodo, perché tra pause-pipì e rientri a casa ad orari improbabili, non volete di certo un costume che ci mettete 3 ore a togliere.

2. Il freddo non perdona
Niente da fare
, il freddo è uno dei problemi principali del carnevale. Pensateci in anticipo e procuratevi una bella termica e fate in modo che il vostro costume sia sufficientemente largo da potervi imbottire per bene. Personalmente, solitamente indosso una termica, una maglietta e un pullover di pail, o un altro maglioncino piuttosto caldo. Sotto invece un bel paio di leggins, i calzettoni da sci e degli scarponcini belli caldi.
Accertatevi però di non avere neanche troppo caldo, perché comunque nei capannoni pieni di gente il freddo scompare. E se cominciate a muovervi e a ballare…
Una buona idea è quella di avere un vestito intero, quelli morbidi morbidi e caldi caldi da animali, che potete indossare del tutto quando siete all’esterno (mettendo meno vestiti sotto), mentre all’interno dei capannoni potete sfilarvi il pezzo superiore e annodarvelo alla vita.

3. I fazzoletti
Credetemi,
se c’è una cosa che mi assicuro sempre di avere con me prima di uscire per andare a carnevale è una bella scorta di fazzoletti. Certo, perché solo in pochi posti avrete la fortuna di trovare un bel bagno pulito e con ancora a disposizione della carta igienica. I famosi ToiToi sono quasi sempre presenti, ma con un solo rotolo di carta che probabilmente finirà dopo pochi minuti dall’apertura. E, quando la fila è troppo lunga, vi capiterà anche di doverla fare accucciate da qualche parte per strada.
Beh, a meno che siete degli uomini. In quel caso avete la vita facile. Vi invidio.

4. Occhio alle foto!
A carnevale ci sarà sempre un qualche vostro amico che per il 90% del tempo resterà attaccato alla sua macchina fotografica, intento a procurarsi materiale altamente ridicolo da pubblicare sul FacciaLibro. Personalmente, credo anche di essere una di quelle persone, a volte. E proprio perché è carnevale, ricordatevi che la gente non avrà molta pietà e sarà anzi più contenta se la vostra faccia uscirà tutta storpia.
Piccola cosuccia che ho imparato a mie spese proprio l’altra sera, è che alcune macchine fotografiche hanno un flash che non solo acceca, ma ti sparerà quella luce in faccia almeno 3 o 4 volte prima di scattare effettivamente la foto. E se come me dopo il secondo flash credete che sia tutto finito e chiudete gli occhi per riprendervi dallo shock, il risultato che troverete fra le vostre notifiche il giorno dopo potrebbe assomigliare molto a questo:

Sì, me ne vergogno.

5. I mezzi pubblici
Se potete evitare di guidare a fine serata, fatelo. Anche perché probabilmente non sarete proprio la definizione di persona sobria. Molto spesso gli organizzatori delle varie serate prevedono bus e treni speciali proprio per permettere a tutti i festaioli di non dover rischiare la patente. O fare incidenti, che direi è ancora peggio.
Anche se come me non avete la patente, ma avete la fortuna di avere un passaggio, controllate comunque gli orari dei mezzi pubblici speciali. Meglio sfruttarli e metterci un po’ di più ad arrivare a casa, piuttosto che non arrivare a casa per niente.

E detto questo, torno a studiare. Ho già procrastinato abbastanza per oggi.

  • Ahahaha qui da me non si fanno grandi festeggiamenti per Carnevale, non lo sentiamo particolarmente.
    Quest’anno mi è stato detto che mi devo vestire per forza da qualcosa, vedremo! Ma quand’è Carnevale? Io non l’ho mica capito!

    • Da noi in Ticino è già cominciato e ogni paese ha il suo in una data diversa. Quindi praticamente per un po’ tutti i miei week end saranno occupati dal carnevale :)

  • Sacco della spazzatura? Oh cielo :’)
    Ma tu sei bella paffuta e.e **

    • Beh, il sacco della spazzatura lo usavamo soprattutto da bambini per travestirci facendo anche un po’ un lavoretto.. :p Ma se non si ha nient’altro per casa, può sempre andar bene come base per creare qualcosa.
      E comunque non sono paffuta. Ho solo le guanciotte u.u

      • Ora spiegami la differenza tra “essere paffuto” e “avere le guanciotte”.
        Io l’anno scorso mi ero vestita da hippie ed ero proprio realistica e.e

        • Paffuta potrebbe riferirsi a tutto il corpo :P
          Daii anch’io avevo fatto l’hippie l’anno scorso (in alternanza con la scimmia e la cowgirl)!

  • io sopravvivo al carnevale non calcolando il carnevale :D facile, no!?

    • Hai ragione anche tu :p Ma credimi, se fossi donna almeno i fazzoletti li calcoleresti hehe!

  • Quanto sei bella!
    io sopravvivo correndo via… qui tirano le uova :(

    • Da noi per fortuna di uova non se ne vedono.. se ti va male incontri un qualche marmocchio con la schiuma da barba, ma andando alla sera l’unico rischio è che ti rovescino addosso della birra :p

      • Oddio la birra è meglio dell’uovo ma oggettivamente è poco simpatica come cosa :p (e poi è uno spreco!)

        • Sono assolutamente d’accordo! Ho già visto gente cercare di risucchiarla dal tavolo dopo averla rovesciata, pur di non sprecarla… (non faccio nomi…)

  • Pingback: Quando il cervello va in pappa – Ellie Daily()