Polaroid Cube Action Camera | Review

 

As you may know, my birthday was a few weeks ago. Stitch decided to surprise me with this awesome action camera, the Polaroid Cube. You can’t even imagine my happiness when I opened the present and saw this cute little buddy.

Polaroid Cube Action Camera Review

I saw the Polaroid Cube for the first time on Photojojo, and it did catch my curiosity right away.

This little action camera is available in three colors: blue like mine, red and black. I think they’re all really cute! I called mine Polly because, you know, I have this little obsession where I have to give a name to everything valuable to me.

Processed with VSCOcam with t1 preset

Here are the specifications for this camera, which I found on the official Polaroid Cube page:

  • The cube is really tiny, only 35mm
  • 124° wide-angle
  • Splash-resistant, shockproof and mountable
  • Resolution: 720p or 1080p
  • MicroSD up to 32GB – sold separately
  • Magnet bottom to stick it to every metal surface
  • Takes both still photos and videos
  • Audio: built-in microphone
  • One USB port
  • Price: 99$

Polaroid Cube Action Camera Review

The first thing you need to know about the Polaroid Cube is that, even if it is an action camera, it’s just not a GoPro. The GoPro quality is way better than the quality of the Cube, so don’t buy it expecting the same results. The quality of the pictures took with the Cube is pretty similar to the one of most phones now days. But, even said that, in my opinion the Polaroid Cube is still a great camera. It reacts pretty well to the changes of light and I’ve been able to shoot even in the dark.

One of the thing I probably love the most about the Polaroid Cube is how tiny it is. I literally take it everywhere with me, and every time I take it out of my pocket or my bag to shoot a few pictures, everybody around me always get so excited about it. I get asked a lot what is it, and how it works.

Also, I’m really in love with the wide-angle, which sometimes almost looks like a fish-eye (take a look at the examples at the bottom of this post).

Polaroid Cube Action Camera Review

There are a few accessories available for the Polaroid Cube, which are sold separately. I bought the waterproof case with its suction mount, that you can see in the photo above. I think it will be really fun to take some videos and pictures underwater next summer! I didn’t try it yet, but I read some great reviews about it. Also, I read that even if the Cube should be splash resistant, some people said their camera wasn’t working anymore after just a few splashes. Now, I don’t know what is their sense of splashing, but I’m not risking it for sure!

Another think that you will have to buy separately if you decide to spend on this tiny camera, is the microSD card. However, you can find some not-so-expensive ones online, so I guess it’s not that big deal.

Polaroid Cube Action Camera Review

To connect the camera to your computer and download the pictures and videos you took, you just have to remove the cap on the back of the camera and use the USB cable that comes with it. From your computer you will also be able to adjust a few things, like the sound of the camera (it normally beeps when you turn it on and off, which I didn’t like, so I muted it). In the back of the camera, you will also have the possibility to switch the resolution between 720p and 1080p. Since my SD card is 16GB, I always let it on 1080p.

I tried to shoot some videos with this camera and I have to say I was positively impressed with them. Once again, it’s not like a GoPro, but considering the price and how tiny it is, I think it does its job. If you’re filming while walking or while doing another activity, the video will probably shake a lot. Here is a video that shows the difference between a GoPro and the Polaroid Cube: you will notice how the GoPro is way more stable than the Polaroid Cube. However, I took some videos with Stitch, walking around the house and talking, and they looked good enough for me. I also took a video during a little party we had in our apartment in Fribourg. I put the Cube in an angle and let it there filming. The wide-angle did a great job in showing all the place, and I then sped up the video with iMovie. I decided not to show you an example of the videos I took just because they all have other people in it, but if you are interested, just let me know in the comments below. In the meantime, here’s another video example you can watch.

Here are three little examples of pictures I took with my little Polly. The one with Owly was taken in my room, with only artificial light.

Polaroid CUBE review

Polaroid CUBE review

Polaroid CUBE review

To sum it up, I do think this camera is really cute and playful to take around all the time. If you’re looking for a serious action camera, I’d suggest you spend something more and get a GoPro or another camera like that. But if you just want to have fun and have a new little pocket-friend, the Polaroid Cube is the one for you!

If you have any question about the Polaroid Cube or you would like to see more about it, let a comment below!

Don’t forget to follow me ♡
Bloglovin’ | TwitterFacebook

You may also like: Beirette and Lady Grey B&W | Review (italian)

Disclaimer: This is not a sponsored post. All opinions above are my own.

Beirette e Lady Grey B&W | Review

Qualche tempo fa mi ero concessa la gioia di fare un acquisto da My Dear Deer, del quale vi avevo parlato qui. La macchinetta, una bellissima Beirette decorata amorevolmente, era già fra le mie mani pochi giorni dopo averla acquistata. Caricata subito con una pellicola Lady Grey B&W 400 della Lomography, me la sono quasi sempre portata appresso, al sicuro nella mia borsa. Nonostante questo, ci ho messo comunque un po’ prima di finire il rullino, in quanto è stato un periodo un po’ stressante e il tempo per scattare scarseggiava. Ma finalmente ce l’ho fatta! E per l’occasione mi sono pure fatta fare il CD con le foto in laboratorio, quindi almeno questa volta la qualità non sarà ridotta dal LomoScanner.

Ammetto che prima di possedere questa macchinetta, non avevo mai sentito parlare delle Beirette. Queste fotocamere sono state prodotte dal 1958 fino agli anni ’80 dal marchio tedesco Beier (qui potete trovare più dettagli). La compatta in mio possesso dovrebbe essere una Beirette VS, modello antecedente alla più famosa Beirette VSN. E’ completamente manuale, cosa che mi ha permesso di cimentarmi un po’ con le impostazioni, che restano comunque piuttosto basilari. Ecco qualche dettaglio in più su questo gioiellino:

  • Formato: 35 mm (*l’otturatore non scatta in mancanza di un rullino caricato)
  • Apertura: f/2.9, f/4, f/5.6, f/8, f/11, f/16 e f/22
  • Messa a fuoco: da 0.6m a 8m, più infinito
  • Velocità di scatto: 1/30, 1/60 e 1/125, più posa B

Complice forse anche l’aspetto singolare della mia Beirette, che la rende assolutamente unica, mi sono subito innamorata di questa macchina fotografica. E’ diventata in breve tempo una fedele compagna di avventura, leggera e pratica. Posso enunciare forse solo due piccole pecche riscontrate in questa fotocamera. La prima è che, essendo del tutto manuale e avendo solo il mirino a nostra disposizione, non potremo mai essere sicuri della messa a fuoco e dell’esposizione. Ma in fondo questo può essere anche un lato positivo, che incrementa ancora di più il divertimento e la sorpresa sul risultato finale. La seconda è che personalmente ho riscontrato qualche problema nel riavvolgere il rullino: ci ho messo non poco, perché la levetta faceva davvero fatica a girare. Questo però potrebbe essere un problema unicamente della fotocamera in mio possesso, anche perché leggendo qualche review su internet non ho trovato nessun altro che ha espresso questa difficoltà.

Vi lascio ora a qualche scatto dimostrativo. Personalmente adoro i risultati e non vedo l’ora di finire il prossimo rullino!

Negative0-35-35(1)_Fotor
Locarno on Ice, dicembre 2013
Negative0-32-32(1)_Fotor
Il cagnolino di uno sconosciuto, inverno 2013
Negative0-30-30(1)_Fotor
Il Moroso sorridente, inverno 2013

My Dear Deer

Come avrete notato, in questi ultimi giorni sono stata un po’ giù di corda. Questa sera mi sono però decisa a darci un taglio, perché proprio non mi andava di continuare a stare così. Non è sano.

Qualche sera fa, in un film ho sentito una frase che diceva qualcosa come: “Tu sei la causa dei tuoi problemi, e ne sei anche la soluzione”. Di conseguenza ho deciso di agire e trovare il modo di tornare a vedere il mondo con più positività. Di fatto mi sono detta perché non farmi un piccolo regalo? E voi donne (in particolare) mi capirate, perché un po’ di buon shopping terapeutico non ha mai fatto male a nessuno.

Neanche a fare apposta, mi è apparso un post sul FacciaLibro di My Dear Deer, che offriva un codice per ottenere uno sconto del 20% su tutte le fotocamere nel suo fantastico negozio online, sul quale avevo messo gli occhi già da tempo.

Se non conoscete il negozio, vi consiglio di farci subito un giro, perché è davvero bellissimo e unico. Il codice (AUTUMN20) è valido fino al 9 di ottobre, quindi se siete appassionati di fotografia analogica e volete concedervi un pezzo unico, vi consiglio di approfittarne!

Mi sono quindi concessa un piccolo sfizio, che tra l’altro mi è costato davvero poco: questa bellissima Beirette!

Non vedo l’ora che arrivi per poterla impugnare e scattare, scattare, scattare! Sono davvero emozionata all’idea di poter possedere presto questo gioiellino analogico!

E’ la prima volta che ordino da questo sito, ma ne avevo già sentito parlare bene penso proprio in uno dei vostri blog.

Che ne pensate?

Konica Autoreflex T e Fuji Superia 200 | Il primo rullino

Oggi sono andata a ritirare il negativo del primo rullino scattato con la Konica Autoreflex T, della quale vi avevo annunciato l’arrivo qui. Avevo un po’ paura del risultato per due motivi.

Primo, non avendo trovato da nessuna parte le batterie per far funzionare l’esposimetro, ho dovuto lavorare tutto in manuale. Non sono molto pratica, anche perché fino ad ora con la reflex digitale facevo sempre vari scatti prima di trovare l’impostazione giusta.

Secondo, mentre riavvolgevo il rullino mi si era bloccato e ho dovuto aprire la macchina e finire di riavvolgerlo a mani nude. Non avendo a disposizione una stanza buia, ho fatto il tutto sotto la spessa coperta del divano, ma avevo il terrore che si fossero bruciate tutte le foto.

Ma a quanto pare i miracoli esistono, perché non solo le foto non si sono bruciate, ma non sono nemmeno tanto male! Anzi, per essere il primo rullino, devo dire che sono davvero soddisfatta!!

L’obiettivo utilizzato è un Konica Hexanon AR 50mm F1.7, che mi era arrivato insieme alla macchina. Non avevo mai avuto la possibilità di scattare con questa apertura, quindi ne ho aprofittato e devo dire che adoro il risultato!

Premetto che ho scannerizzato il tutto con il mio famoso LomoScanner (utilizzato con iPhone 4s), del quale sto imparando finalmente a correggere un po’ le immagini una volta acquisite.

E ora, ecco alcuni degli scatti di prova effettuati con questo primo rullino! Ma solo alcune, eh, che le prossime me le tengo per qualche Wed’s photo!!

2013-07-16 14.47.22
Konica Autoreflex T and Konica Hexanon AR 50mm F1.7, Fuji Superia 200 (expired)

2013-07-16 15.09.20
Konica Autoreflex T and Konica Hexanon AR 50mm F1.7, Fuji Superia 200 (expired)
2013-07-16 14.35.48
Konica Autoreflex T and Konica Hexanon AR 50mm F1.7, Fuji Superia 200 (expired)
2013-07-16 15.10.33
Konica Autoreflex T and Konica Hexanon AR 50mm F1.7, Fuji Superia 200 (expired)

Le mie preferite ve le lascio per domani e le prossime settimane. Per ora che ne pensate?

Finalmente i primi risultati con la Diana Mini

L’attesa è finita, miei cari. Ci ho messo parecchio tempo, ma la luminosità delle giornate non è stata dalla mia parte.

Per fortuna settimana scorsa è uscito per un po’ il bel tempo, quindi sono riuscita a scattare le ultime fotografie con il mio primo rullino della bellissima Diana Mini (o Mini Diana?, ho sempre il dubbio).

Come sapete, con l’idea di non farmi spennare ogni volta dal laboratorio fotografico, un po’ di tempo fa avevo fatto arrivare dal sito della Lomography lo scanner per Smartphone. Ero molto curiosa di provarlo su questo rullino e finalmente oggi mi sono potuta dare da fare.

Molte fotografie non sono uscite proprio benissimo, anzi. Ma ormai l’avevo già messo in preventivo. Di alcuni (pochi) scatti sono comunque abbastanza soddisfatta, pensando che sono comunque alle prime armi che ci devo ancora fare la mano.

Penso che devo ancora imparare ad utilizzare un po’ meglio anche lo scanner. Ho scoperto che l’applicazione LomoScanner non è così buona come speravo. A parte il fatto che oggi ogni volta che provavo a scattare un’immagine applicando già un effetto, l’applicazione si spegneva subito, mi sono resa conto che in ogni caso la foto del negativo è meglio farla con la fotocamera “originale” dello Smartphone.

Non essendo riuscita a scaricare illegalmente avendo Photoshop, ho poi utilizzato il programma Gimp per modificare le immagini. Per prima cosa, ho invertito i colori. Ingenuamente, speravo che bastasse ciò, ma il risultato è davvero scarso. Di conseguenza, dopo “accurate” ricerche sul web, ho trovato la guida sul ritocco di tali immagini, dove consigliano – dopo aver appunto convertito i colori – di andare su “Livelli” e cliccare su “Auto”. Questo dona dei colori un po’ più decenti alle immagini.

Come vedrete, però, non è che si tratti di una qualità particolarmente alta. Tutt’altro. Non che mi aspettassi molto di più, visto il tipo di scanner utilizzato… Però negli esempi visti sul sito della Lomography, avevo trovato dei risultati migliori. Probabilmente mi sfugge ancora qualcosa… Cercherò di migliorare.

Nel frattempo, vi lascio con qualche scatto fresco di stampa.

2013-04-22 16.16.37
Fila di biciclette fuori dalla stazione di Zurigo

 

2013-04-22 17.12.10
Il castello di Locarno e qualche impercettibile margheritina sovrapposta…

 

2013-04-22 17.13.15
Fotografare la propria ombra per finire gli ultimi scatti è una cosa che non farei mai. Ehm.

 

2013-04-22 17.10.59
Vista su Friborgo molto Lo-Fi

Come vedete, sono ancora ben lontana dall’ottenere dei risultati soddisfacenti. Ma la speranza è l’ultima a morire e io continuerò a battermi a suon di scatti! (?)

Inoltre mi sta anche venendo voglia di comprare una Sardina. Uff ma perché le cose costano?

Lomo scanner

Settimana scorsa mi era finalmente arrivato per posta il mio attesissimo Scanner della Lomography. Dato che sono molto furba, però, mi ero resa conto di aver lasciato il mio unico negativo (per ora) a Friborgo. Di conseguenza ho dovuto aspettare fino ad oggi per poter vedere il tanto sospirato aggeggio in azione.

L’utilizzo è molto semplice: si dispone il proprio Smartphone nell’apposito ripiano, si accende lo scanner e si infila il negativo (unicamente 35mm) nella “scatola”. Scaricata l’applicazione LomoScanner, disponibile gratuitamente sull’Apple Store – e suppongo anche per i dispositivi Android – la si apre e si fotografa l’immagine proiettata grazie alla luce dello Scanner. L’applicazione permette di convertire direttamente l’immagine con le opzioni negativo, bianco e nero, slide, xpro e redscale.

La qualità del risultato purtroppo è un po’ più bassa di ciò che mi aspettavo, anche se credo sia in parte dovuto al fatto che il negativo in questione era quello della fisheye e di conseguenza la grande quantità di nero rende un po’ difficile la messa a fuoco di alcune parti più chiare e in generale la tonalità dei colori. Avevo visto alcuni esempi di altri utenti che avevano provato lo stesso scanner e i loro risultati erano sicuramente migliori dei miei. Di conseguenza vi aggiornerò non appena potrò provare lo scanner con un negativo scattato con la Diana Mini e già non vedo l’ora!

Eccovi due esempi di foto scannerizzate dalla sottoscritta:

20130408-173920.jpg

20130408-174047.jpg

Come potete notare, in entrambi i casi il risultato sembra praticamente scattato sotto il mare, cosa che potrei risolvere molto velocemente aggiustando un po’ il livello del blu – suppongo. Ma sono pigra e lo sapete. Inoltre, come detto sopra, mi sono convinta che la causa principale è proprio la composizione delle foto, tutte molto scure.

Qui invece potete trovare una raccolta di foto contenente esperimenti usciti leggermente meglio dei miei.