What I’ve Learned From Sharing My Worries

A few days ago I published a post explaining all of my worries after some months away from the blog. I thought that nobody would have read that post and at the moment I wasn’t even realizing that I was actually sharing my feelings, so I was really surprised with the amount of comments I’ve got both from old and new readers. Everyone has been really supportive about the whole situation and I did get some really helpful responses.

Here's what I've learned from sharing my worries instead of keeping them for myself. You should do the same, trust me!

Writing down what was worrying me so much and sharing it with other people really helped me to move on, so I decided to share with you what I’ve learned from it.

It’s not healthy to keep it all in.

Really, it’s not. Personally, the more I did wait to share what was keeping me away from the blog, the more my worries kept getting bigger and bigger. When you have a problem of any kind, it’s always better to say it out loud. Share it with a friend, a family member, your lover, your internet audience (even when you don’t think you have one). It’s liberating and you will feel a lot less pression just by letting it out off of your head.

Sharing a worry or a problem also help you to put it into words, which is a great way to see whatever is upsetting you in a clearer way.

You’re never the only one in that situation.

When you share an upsetting argument on your blog, the chances are that some of your readers have already been in that same situation. Even when you share your problem with just one person, it is probable that he or she will know someone else who also had a similar experience.

This brings two big yays. First at all, you will feel less alone – which is always a calming thought. And second, all of the people that have already been there probably know a way out, which they will most likely share with you.

People are great at giving advice.

As I just said, you will find that a lot of people will be willing to share their own pieces of advice with you. Sometimes that advice comes from people that actually lived the same situation as you. But let’s admit it – even people that never felt the same way will likely try to give you their precious opinion. And I must say, sometimes that kind of help it’s even more useful since it comes from another point of view.

I think we all know how good it feels to help someone else, so let’s all accept other people’s help from time to time.

Sometimes the old way can be the right way.

When I shared my perplexity about where I was going with this blog with my readers, most of them told me to just keep writing. They were right, I spent too much time trying to find a focus, trying to find the right way. The truth is, I just stopped writing and I lost the habit of doing it.

If you feel stuck, like I did, maybe worrying too much about it isn’t the solution. Just keep doing what you were doing before, and maybe you will find your motivation again.

Don’t be afraid to try something new.

This may sound in contrast with what I just said before, but I think that some kind of innovation sometimes can help, too. In my case, letting out all my worries made space in my head to produce new positive thoughts. You can find your new motivation in making little changes in what you already have, or start something completely new. It always feels great to have something to spice up the monotony, isn’t it?

What do you normally do when you have a problem or you worry too much about something? Do you share it with someone or do you keep it to yourself? What have worked for you until now? Comment below!

Don’t forget to follow me ♡
Bloglovin’ | Twitter | Facebook

5 Reasons Why Changes Are Good

5 reasons why changes are good

Camera: iPhone 5c
Editor: VSCO Cam and PicMonkey.com
© photography and words by indiellie.com

As you know, lately I’ve decided to make some changes with the blog by trying to commit to it more. What you may not know, however, is that I’m planning to make a big change in my life too. After my bachelor degree, which I will get in few months, I decided to end my university studies and find a job. I’m really looking forward to it, but at the same time I must confess that this big step also scares me a little.

We all know how changes can be scary, and because of that sometimes we tend to forget that they can also be really good.

Challenge yourself: you can totally see a change as a great new adventure where you will have to push yourself. This also means that when you will succeed in it – and I’m sure you will – you will feel a sense of accomplishment. Isn’t that a good way to get even more motivated?

Break the circle: yes, routines can make you feel protected, but they can also be really boring. Stepping of your comfort zone may be the only way to find out how many things you’re missing out. Don’t be afraid!

Open a new door: when you decide do make a change you may feel like you’re giving up what you already have. But every time you close a door, there is a new one that opens before you. So walk that door and enjoy everything that you will find behind it. You could be surprised how amazing this new journey can be.

Get some perspective: making a change can also make you realize how much what you were doing before may have been a limitation for you and your creativity. It’s only by going through something new that you can look back with another point of view and put everything you’ve done until then into perspective.

And if it doesn’t work… It could happen: maybe your big change turns out to be not that great how you imagined it. Well, don’t give up just yet! Maybe you just walked the wrong door. Go back and try again!

How can changes be good for you? Leave a comment below!

Bloglovin’ | Twitter | Instagram

I Say Sorry Too Much

150113 I say sorry too much
I’m back!

Camera: iPhone 5c
Editor: Adobe Photoshop CC
© photography by indiellie.com

More than one person already told me that I say sorry too much. It’s true, I tend to say it way often and it came to the point where people may think that I say it more like as an habit than because I mean it. The thing is, I actually mean it. Always.

Since this is my first post of 2015 (Happy New Year, everyone!), I will try to start with my only New Year’s Resolution: saying “sorry” less. I thought I would have started this post by apologizing for my long absence from the blog, but I’ve done that so many times that I’m also started to be tired of it.

I always have some difficulties in putting myself back into work, and this blog is no exception. I want to write, I really do. But when you stay away for so much times, it can be a bit scaring. I have to admit it, though: it feels nice to write again. And I’m realizing just now how much I actually missed it.

So yeah,… Here I am. But let’s keep it short – as I say, I’m not here to apologize.

What have you guys been to these lest weeks?

 

3 Ways To Seek Your Positivity

3 ways to seek your positivity

Camera: Canon Powershot G16
Editor: Adobe Photoshop CC
© photography by indiellie.com

These last days I’ve been thinking about positivity. I had a good talk with some people, and I realized how it always seems easier to be negative than positive. The discussion we had was about the fact that even in a situation that we should be enjoying and loving, we keep thinking about the negative side of it. And when someone starts pointing out a negative point, everyone else follow the lead and start doing the same. It’s really difficult to break this circle, but I came up with some ideas that I want to share with you.

Use “but” in a better way

Let’s start by saying that it is impossible to be positive all the time. However, I realized that most of the time, we start with a positive sentence and we add something negative at the end. “I like autumn, but I hate this cold” or “I like my job, but I always have to get up early in the morning and I’m always tired”. How many times did we do that? The thing is, even if we were saying something good, what stick into our mind is the last little bit of the sentence, the negative one. So, if we really need to point out something negative, why don’t we try the other way around? Let’s start with the negative point and then focus on the positivity: “I don’t like this cold, but I love autumn!”. This way, we empathize the good side of our sentence and it’s easier to remember it in our mind.

Minimize the negativity and maximise the positivity

This step is really simple. When we’re about to say something good, let’s try to exaggerate it (without being fake, of course). Do you like something? Why not really like it, or even love it? And since it’s not easy to cut off all negativity from our life, let’s try with baby steps. Instead of saying you hate something, try to minimize it and say you just don’t like it that much. Of course, if you’re able to stop yourself and don’t say anything negative at all, that’s even better!

Smile, smile, smile!

I’m sure you already heard this, but simile is the best thing a women can wear. And I’d like to change it a little bit and say that it’s the best thing every human being can wear. Sometimes we forget about what expression we are making with our face – and most of those times, it ends up being a not so happy face. Forcing a smile is the simplest thing to do in moments like those. Think about something happy, and you’ll see an instant change in your aptitude. And don’t forget that a smile is also really contagious – even more than yawning, in some occasions, so you might end up bringing some positivity in the people around you as well!

Do you have any other idea to bring more positivity in your life?

PS: Like this post? Stop by a little longer and read 5 Things I Need To Learn

Let’s keep in touch!
Bloglovin’ | Twitter | Instagram

5 Things I Need To Learn

141024 5 things i need to learn

Camera: MacBook Air with Photo Booth
Editor: PicMonkey
© photography by indiellie.com

 1 – Wake up when the first alarm start ringing

I have the really bad habit to set more than one alarms and keep snoozing them. The result: I always end up having less time than I planned to get ready. And that just because I excuse myself by saying that at least I slept a bit more, which is actually not true. In fact, while I keep snoozing the alarm, I can’t seem to sleep for real and I end up being even more tired than before. I really want to learn to get up at the first alarm, and start the day in a better way.

2 – Complain less and be more positive

It happens sometimes than when I don’t know what to say, I end up breaking the silence by complaining about something. The weather, the fact that I’m bored, how annoying some people are,… It’s like I can’t help myself, and I hate that. I really want to try and stop myself. I don’t want to come out as a negative person, which in those moments I guess I am. I have to make the effort and try to say something positive instead of complaining. Or, if I can’t find anything, I could try and just shut up. I already had lots of people back when I was younger telling me how shy I was, so I don’t really mind. Or maybe I do. Ouch.

3 – Save more instead of spending everything

Lately I’ve been spending more than I should have. As a student, that’s not really the greatest thing to do. I keep telling myself that I can buy that if I sell something I don’t use anymore, but than I can’t find the time to actually try to sell my stuff. And even when I tried, nobody seem to want to buy anything. But I guess I shouldn’t give up so easily.

4 – Taking some more time to exercise

I say it all the time: I’m a lazy girl. I love staying in my bed with my beloved laptop reading blogs and watching tv series. But this doesn’t mean that I would love to be more sporty. I also bought an iPod shuffle this summer to try and get motivated to go running. But during the whole summer, I just went maybe 3 or 4 times. Shame on me. Since winter is coming, I’d really like to start doing some sort of exercise that I could do at home. I know there are lots of videos and apps showing daily routines to do. I just need to learn to stop postpone everything and just get into it. For real this time.

5 – Do a decent messy bun

This is kind of a more superficial point. I love wearing my messy bun, which I do most of the time. It’s just so comfy and it keeps your hair out of your face. But I ended up doing a good looking bun only on few occasions and mostly when I’m heading to bed. In fact, most of the times my bun is just not right: too little, way too messy, not messy enough,… Yeah, I know… still complaining. But I’d really like to be able to do a really cute messy bun, at least sometimes. I already watched lots of youtube’s video with those beauty guru showing their secrets to achieve the perfect bun. What I learned from them, it’s that they use something like 3Kg worth of bobby pins. Unfortunately, I hate using bobby pins to secure my hairstyles, so I guess I’m screwed. Oh well.

The Good Angle

The good angle1

Camera: iPhone 5c
Editor: iPhone camera effects
© photography by indiellie.com

As you may know, I never liked the way I look in photographs. I find myself always looking really bad and I hate that. I read here and there that it’s all about finding the good angle and that practice makes perfect. But every time I tried to practice to find what’s my good angle, I got really upset cause my face just couldn’t look even a bit good.

The other day I was out with Stitch, that is one of the only people that already succeed in making my like one of my photographs. I needed a picture to complete my CV, but I was scared and already sad since I know I would not have liked anything coming from the camera. So he decided that it was about time to finally find your good angle, and that I couldn’t complain about it.

The good angle2

I think he might be a wizard or something like that, because once again he did the magic. I’m not saying that I look stunning or anything but, I do like those pictures and I don’t hate my face in it. And, if you know me, you should know that it’s something impressing. Really impressing.

The good angle3

So, according to Stitch, that’s my good angle: head turned on my left shoulder, and slightly pushed back. I hope I will remember that instead of having a panic attack next time someone is about to take take a picture of me.

The good angle4

I guess that a big part of it was also having the picture taken with someone you’re really comfortable with.

What’s your good angle?

You are more beautiful than you think

Ho visto un video. Mi ha fatto piangere.

Non voglio sprecare troppe parole, ma non so quante volte mi è capitato di guardarmi allo specchio e di non apprezzare quello che vedevo. La società ci impone dei modelli improbabili e malsani dai quali dovremmo cominciare a diffidare sempre più. Io dico basta. Voglio essere me stessa, abitare il mio corpo ed amarlo. Punto.

Lezioni di self-confidence, ossia come diventare sicuri di se

Forse già lo sapete, visto che credo di averlo già accennato qua e la in post e commenti, ma fino a pochi anni fa ero una persona davvero insicura e timida. Per mia fortuna ho fatto molta strada da allora e sono riuscita ad uscire dal guscio e ad avere fiducia di me stessa.

Vorrei potervi dire che esiste una ricetta, un qualcosa per riuscire a raggiungere la sicurezza di se stessi. Purtroppo però non è così. Bisogna invece sudare per riuscire a guadagnarsela. Nel mio percorso, non sempre ero consapevole che ciò che stavo facendo mi stava portando in un qualche modo ad essere più sicura, ma per altre cose ho dovuto davvero fare degli sforzi, soprattutto all’inizio.

Visto che so che ci sono molte persone come me la fuori, ho quindi deciso di condividere con voi le mie esperienze, sperando che qualcuno magari possa prenderne spunto per imparare ad amarsi un po’ di più. Magari non riuscirò ad aiutare nessuno, ma in tal caso avrò comunque fatto una sorta di autoanalisi.

Foto vecchia vecchia che ho appena ritrovato e che non so credo si addica al post. Mbah.

Lezioni di self-confidence :)

1. Accettarsi per quello che si è

Il primo passo fondamentale per riuscire ad avere una maggiore sicurezza di se stessi è sicuramente quello di imparare a volersi bene. Può sembrare una sciocchezza, ma non per tutti è così evidente. Molto spesso, in particolare nel periodo dell’adolescenza (ma non solo) è molto facile cadere nella trappola dell’invidia. Vediamo un’altra persona che ci sembra avere qualcosa in più di noi, e senza neanche accorgerci finiamo ad invidiarla. “Quanto vorrei i suoi capelli“, “Non potrei mai indossare quella maglietta che a lei sta così bene“, “Cosa darei per la sua pelle, i suoi occhi, le sue gambe, la sua bocca, le sue narici,..” e chi più ne ha più ne mette. Insomma, come si dice, “l’erba del vicino è sempre più verde”.

Il fatto, piuttosto ovvio, è che per quanto ci possiamo sforzare, non potremo mai essere ciò che non siamo. Quindi, direi che risulta pittutosto inutile sprecare il proprio tempo per cercare di essere qualcuno o qualcosa che non potremo mai essere. Certo, con un po’ di sforzi potremmo riuscire ad avvicinarci al nostro ideale, ad assomigliargli. Ma questo ci porterebbe ad essere solo una scialba imitazione, priva di personalità. E non è di certo questo il nostro obiettivo.

Ognuno di noi possiede dei pregi e dei difetti, dei tratti della sua personalità che lo fanno diventare unico e speciale. Per accettarci, dobbiamo prima di tutto imparare a conoscerci. Scopriamo quali sono i nostri pregi, e valorizziamoli. Riconosciamo i nostri difetti, e accettiamoli. Facciamoli diventare entrambi parte di noi, qualcosa di cui andare fieri perché sono proprio loro che ci caratterizzano. Non dobbiamo vergognarci di quello che siamo, ma dobbiamo invece imparare ad amarici. Il modo in cui noi vediamo noi stessi si rispecchia poi sull’immagine che gli altri si faranno di noi.

Lavoriamo su noi stessi per piacere prima di tutto a noi, invece di cercare di essere qualcosa che agli altri potrebbe piacere, perché quello che vedrebbero sarebbe solo una persona falsa e disonesta verso se stessa.

2. Sorridere

Non ci sono molte parole da dire. Sappiamo tutti quali sono i benefici di un sorriso. Regalare un sorriso a qualcuno è un gesto che non costa nulla. Rende chi lo riceve più felice. E’ un gesto contagioso, e offrendolo a chi ci sta intorno non possiamo che trarne beneficio anche noi stessi.

Una persona che sorride è una persona che si apre alla vita, che prende le sfide a testa alta e che emana bellezza da tutti i pori.

3. Accettare i complimenti

Questa per me era stata una bella sfida. Per molto tempo ero stata una di quelle persone che ad ogni complimento ti rispondono con un “Non è vero” o cercano comunque di negarlo o rifuitarlo. Mi comportavo in questo modo perché ad ogni apprezzamento mi sentivo in imbarazzo o addirittura presa in giro, come se fosse impossibile che a qualcuno potesse piacere qualcosa di me. Piano piano mi sono però accorta di quanto fosse fastidioso quel genere di risposta quando mi trovavo io a fare un complimento a qualcuno. Sì, perché comunque a volte ci vuole fegato anche per complimentarsi con qualcuno, e sentire i propri sforzi venir sminuiti così è demotivamente. Mi ero quindi auto imposta di cominciare ad accettare ogni complimento. Ogni volta che qualcuno mi diceva qualcosa di carino, invece di partire subito con le solite negazioni, facevo un bel respiro profondo ed esordivo con un bel Grazie.

All’inizio si trattava di un “grazie” timido e imbarazzato, perché il fatto di accettare un complimento mi faceva sentire come una di quelle ragazze-gné-gné che si credono chissà chi. Poi però mi sono abituata fino a quando riusciuvo perfino ad accompagnare il mio “grazie”, questa volta deciso e sonoro, con un sorriso.

Non c’è assolutamente di male nell’accettare un complimento. Anzi, col tempo ci fa diventare più sicuri. Provare per credere!

4. Spingersi oltre

Ci sono due esperienze, fondamentalmente, che mi hanno cambiata radicalmente.

La prima è stata il mio viaggio in Canada, dove ho passato ben 7 mesi come ragazza alla pari. Un viaggio all’estero, in un posto dove non si conosce nessuno, è un ottimo modo per spingersi oltre e imparare ad affrontare la timidezza. Non ci si può più nascondere dietro agli amici, ma bisogna crearsene di nuovi, farsi forza ed uscire alla riscossa.

In un viaggio come questo, oltre alle cose più ovvie come la possibilità di scoprire un’altra cultura, di visitare tanti posti interessanti e via dicendo, c’è anche un altro elemento a favore di chi è un po’ timido: nessuno ci conosce, e nessuno sa della nostra timidezza. Forse sono solo io, ma il fatto di vivere a contatto con gente che mi considerava “quella timida, insicura e silenziosa” mi rendeva ancora di più timida, insicura e silenziosa. In Canada nessuno sapeva di questi miei precedenti e questo mi ha aiutato a tirare fuori da subito quella parte di me che prima invece rimaneva sempre nascosta.

In particolare, credo che ciò che mi abbia aiutata di più nel diventare quella che sono ora, è stato il fatto di essermi sentita apprezzata per quella che ero. Mi comportavo come avrei sempre voluto comportarmi, in un modo sicuro ed estroverso che a casa non sarei mai riuscita a tirare fuori se non davanti a chi mi conosceva da una vita. E chi mi stava attorno apprezzava ciò che ero.

Probabilmente è proprio qui che è avvenuta la mia “grande trasformazione”, perché quando sono tornata in molti mi hanno fatto notare quanto fossi cambiata e quanto fossi diventata più aperta. Il fatto di essere riuscita ad ottenere quella fiducia che tanto desideravo, mi ha permesso di continuare ad essere così anche una volta tornata a casa. Non in pochi si sono stupiti vedendomi così estroversa, ma ci hanno messo poco ad accettare e ad amare la nuova me. Forse senza sapere che questa nuova me, in realtà non era nient’altro che lavera me che da tanto si nascondeva.

L’altra grande esperienza che mi ha sicuramente aiutata a conquistare molta fiducia è stata di tipo lavorativa. Per circa due o tre mesi, la scorsa estate, ho lavorato come dialogatrice presso un’azienda locale. Il mio compito era quello di fermare le persone per strada, illustrare loro quanto fosse fantastica ed eccezionale l’associazione che stavamo rappresentando al momento, e convincerli infine a sostenere codesta associazione. Un lavoro per nulla facile e a volte alquanto stressante, in quanto si esigeva che portassimo un risultato settimanale di un tot di iscrizioni. Ma dal punto di vista personale, il fatto di stare così a stretto contatto con le persone, di dover interagire con degli estranei e mantenere una conversazione ad un livello piuttosto sostenuto senza far calare l’attenzione, è sicuramente stato un grande passo per me.

Non è facile trovare la forza anche solo di fermare un passante, in particolare quando l’obiettivo finale è quello di ottenere qualcosa da lui. Ma quando c’è in gioco il proprio posto di lavoro (anche se si tratta solo di un impiego temporaneo), un modo per darsi la forza e il coraggio necessari per buttarsi lo si trova. Inoltre, il fatto di rappresentare un’associazione e non noi stessi, ci permette di crearci una specie di alter ego sicuro e scattante che, col passare del tempo riusciremo ad incorporare sempre di più in noi stessi.

Un’esperienza che consiglio quindi vivamente, in particolare a chi non ha la possibilità di spostarsi all’estero.

Ecco. Queste penso sono le cose che principalmente mi hanno aiutata a guadagnare la mia tanto adorata self-confidence. Sicuramente appena pubblicherò il post mi verranno in mente una miriade di altri esempi che avrei potuto citare. Nel caso, tenetevi pronti perché potrei decidere di annoiarvi con altri post simili.

Yes Man? A volte è meglio il no…

E’ inutile fare tanti giri di parole. La realtà è quella che è. Non sono capace a dire di no.

Non lo sono mai stata, a dire il vero. E diciamolo, durante i vari anni scolastici questo mio piccolo diffettuccio mi si è ritorto contro più di una volta.

Penso che il peggior ricordo risale al secondo anno di commercio. Verso la fine dell’anno un mio Carissimo Compagno (sì, il carissimo è alquanto sarcastico), mi ha rivolto per la prima volta la parola dopo due anni chiedendomi di prestargli i miei appunti.

Non è che prima non sapesse della mia esistenza. Anzi. Quante volte in quei lunghi e maledetti due anni l’avevo beccato mentre mi parlava alle spalle con i suoi scagnozzi? Non penso di aver mai odiato qualcuno più di quell’essere in tutta la mia vita. E’ impressionante penasare come una persona abbia il potere di farti stare male, di pugnalarti continuamente alle spalle, di farti arrivare a casa con il nodo in gola cercando di tenere a bada le lacrime che sai che più tardi lascerai scorrere sul cuscino dando sfofo alla sofferenza dell’essere derisa… e senza mai aver avuto il coraggio di affrontarmi faccia a faccia. Lo odiavo. Non che lui fosse il solo codardo a parlarmi alle spalle, ma di sicuro è stato il peggiore. E probabilmente questo l’ho capito per davvero proprio quel giorno degli appunti.

Sta di fatto che ebbe la faccia tosta di chiedere i miei appunti. Per qualche minuto ho resistito, sforzandomi di rifiutarmi. Ma non so come alla fine ho ceduto e gli ho concesso i miei sudati appunti. Non so di preciso cosa mi sia passato per la testa. Probabilmente ero talmente stufa di essere odiata ingiustamente, che forse o intravisto una piccola e vana speranza di tregua nel passargli quei maledetti appunti.

Così non è stato. Al contrario.

Il bastardo ha avuto il coraggio di andare, con i miei appunti tra le mani, dalla professoressa. Per mostrargli un errore. Nei miei appunti. Appunti che lui non si era mai sforzato di prendere. E ovviamente dichiarando ad alta voce che quegli appunti, e l’errore in esso contenuto, erano miei. E’ stato un duro colpo per la timida ragazzina insicura che ero allora.

Come se non bastasse, il giorno dopo mi sono accorta che praticamente tutta la classe aveva una fotocopia dei miei appunti. Senza avermi chiesto nessun permesso. Codarti scansafatiche.

Ma credo di aver divagato un pochino, annegandomi in vecchi brutti ricordi.

Ultimamente non ho più pensato molto a questo mio problemino nel dire di no. Soprattutto perché è da un po’ che mi sono liberata dei vari approfittatori coi quali ero costretta a passare la maggior parte delle mie giornate.

Ma oggi è tornato tutto a galla, per una semplice richiesta giunta dal Maestro, che pensavo avrei evitato. Forse perché mi ero illusa che a causa del polso rotto non avrebbe più osato. Figurarsi. Ma in fondo glielo devo, dopo tutti gli anni in cui quelle due lezioni di coro a settimana erano il mio solo nido di salvezza da quella tortura che era la scuola.

Oggi se non altro me ne sono resa conto. Devo ricominciare ad allenarmi a dire di no. La vecchia me è sempre pronta ad uscire nei momenti inopportuni, rendendomi troppo vulnerabile. Occorre rimediare